LÒGOS blog


4. Non ne usciremo migliori


Online
Ad oggi sono nove mesi di limitazione di libertà da pandemia, in questo articolo non entro nel merito del tipo di limitazioni e della comunicazione adottata per farle conoscere e accettare dai cittadini, in linea di massima si poteva fare sicuramente meglio e al tempo stesso per un evento così nuovo da gestire è facile parlare da spettatore non altrettanto facile fare delle scelte politiche in piena emergenza.
Una situazione come quella attuale provoca ad ognuno di noi una condizione di forte stress, che ognuno vive e interpreta in un modo diverso e al tempo stesso le problematiche individuali sono costellate da diverse aspettative per il futuro, se non proprio per il presente, per chi a causa della pandemia ha perso il lavoro o diminuito drasticamente le proprie entrate, per non parlare di chi ha perso in questi mesi una persona cara per causa diretta o indiretta del Covid.
A questo si aggiunge ovviamente la realtà del virus in se stessa: la paura per la malattia, la preoccupazione per la propria e altrui salute attuale e futura.
In questi mesi ho letto diversi ottimistici articoli sulla resilienza, sulla capacità umana di adattarsi anche a situazioni estreme, su questo punto vorrei fare chiarezza in quanto mi pare che il termine resilienza sia stato utilizzato troppe volte in modo inappropriato.
Sicuramente una delle migliori caratteristiche del genere umano è la capacità di adattarsi alle situazioni e quindi sopravvivere anche in circostanze altamente sfavorevoli, la nostra storia indica senza dubbio periodi ben peggiori di questo, anche dal punto di vista dell’emergenza sanitaria la cronaca dei nostri giorni è ben lontana dalle grandi pandemie della storia che hanno decimato l’umanità.
Se da un lato l’attuale emergenza sanitaria potrebbe risultare ben poca cosa in una visione globale della storia dell’umanità d’altro canto, nella nostra piccola e limitata storia individuale, quanto sta succedendo lascerà un segno tangibile e il disagio psicologico vissuto avrà conseguenze importanti su tutta la nostra vita se non adeguatamente metabolizzato.
Facendo un esempio, se caduto e mi rompo una gamba, avendo a disposizione un buon ospedale con un efficiente reparto ortopedico, la mia gamba sarà sistemata e quindi in qualche maniera potrò procedere alla riabilitazione con la giusta ginnastica e esercizi appropriati e progressivi.
La stessa caduta e conseguente frattura avrà un esito ben diverso se sono un indigeno che vive nella foresta amazzonica, la mia gamba verrà curata in modo approssimativo e probabilmente pur tornando a camminare e magari anche a correre zoppicherò per tutta la vita.
La resilienza è la mia capacità di tornare a correre, nonostante l’incidente, come correrò dopo una frattura dipenderà dalla “tecnologia” a mia disposizione per curarmi.

Ma che cos'è la resilienza? La vita non è una storia già scritta, tutti sperimentiamo colpi di scena, dalle sfide quotidiane agli eventi traumatici con un impatto più duraturo, come la morte di una persona cara, un incidente che cambia la vita o una grave malattia.
Ogni cambiamento colpisce le persone in modo diverso, portando un flusso unico di pensieri, forti emozioni e incertezza. Eppure le persone generalmente si adattano bene nel tempo a situazioni che cambiano la vita e situazioni stressanti, in parte grazie alla resilienza.
Dal punto di vista psicologico, la resilienza è il processo di adattamento a fronte di avversità, traumi, tragedie, minacce o fonti significative di stress, come problemi familiari e relazionali, gravi problemi di salute o stress sul posto di lavoro e finanziari.
Per quanto la resilienza implichi "riprendersi" da queste difficili esperienze, può anche comportare una profonda crescita personale.
Sebbene questi eventi avversi siano certamente dolorosi e difficili, non necessariamente devono determinare il risultato della nostra vita. Ci sono molti aspetti della nostra vita che possiamo controllare, modificare e utilizzare per la nostra crescita personale.
Diventare più resilienti ci aiuta a superare circostanze difficili e, al tempo stesso, ci consente anche di crescere e persino di migliorare la nostra vita.
Essere resilienti non significa che una persona non sperimenterà difficoltà o angoscia
.
Le persone che hanno subito gravi avversità o traumi nella loro vita comunemente sperimentano dolore emotivo e stress.
In effetti, è probabile che la strada verso la resilienza implichi un notevole disagio emotivo.
Mentre alcuni fattori potrebbero rendere taluni più resistenti di altri, la resilienza non è un tratto della personalità che solo alcune persone possiedono. Al contrario, la resilienza implica comportamenti, pensieri e azioni che chiunque può apprendere e sviluppare.
La capacità di apprendere la resilienza è una delle ragioni per cui la ricerca scientifica ha dimostrato che la resilienza è ordinaria, non straordinaria.
Come per tonificare un muscolo, aumentare la tua capacità di recupero richiede tempo e intenzionalità.
Concentrarsi su quattro componenti fondamentali: connessione, benessere, pensiero sano e significato - può consentirci di resistere e imparare da esperienze difficili e traumatiche.
Queste strategie sono alla base del processo di sviluppo, della nostra normale capacità di attivare la resilienza.
Costruisci le tue connessioni. Dare la priorità alle relazioni.
Entrare in contatto con persone empatiche e comprensive può ricordarti che non sei solo in mezzo alle difficoltà. Concentrati sulla ricerca di persone affidabili e compassionevoli che convalidano i tuoi sentimenti, il che sosterrà l'abilità della resilienza.
Il dolore di eventi traumatici può portare alcune persone a isolarsi, ma è importante accettare l'aiuto e il sostegno di chi si prende cura di te e anche saperlo chiedere.
Unisciti a un gruppo. Insieme alle relazioni personali, alcune persone scoprono che essere attivi in gruppi civici, comunità religiose o altre organizzazioni locali fornisce supporto sociale e può aiutare a recuperare la speranza. Cerca gruppi nella tua zona che potrebbero offrirti supporto e un senso di scopo o gioia quando ne hai bisogno.
Promuovi il benessere. Prendersi cura del proprio corpo.
La cura di sé può essere una parola d'ordine popolare, ma è anche una pratica legittima per la salute mentale e la costruzione della resilienza. Questo perché lo stress è tanto fisico quanto emotivo. Promuovere fattori di stile di vita positivi come una corretta alimentazione, un sonno abbondante, l'idratazione e un regolare esercizio fisico può rafforzare il tuo corpo per adattarsi allo stress e ridurre l’influenza di emozioni come ansia o depressione.
Pratica la consapevolezza. Anche l'inserimento consapevole nel diario, lo yoga e altre pratiche spirituali come la preghiera o la meditazione possono aiutare le persone a costruire connessioni e ripristinare la speranza, il che può prepararle ad affrontare situazioni che richiedono resilienza. Quando scrivi, mediti o preghi, soffermati sugli aspetti positivi della tua vita e ricorda le cose per cui sei grato, anche durante le dure sfide personali.
Evita gli sbocchi negativi. Potresti essere tentato di mascherare il dolore con alcol, droghe o altre sostanze, ma è come mettere una benda su una ferita profonda. Concentrati invece sul dare al tuo corpo le risorse per gestire lo stress, piuttosto che cercare di eliminare del tutto la sensazione di stress.
Trova uno scopo. Aiutare gli altri.
Sia che tu faccia volontariato presso un rifugio per senzatetto o semplicemente aiuti un amico nel momento del bisogno, puoi dare un senso di scopo, promuovere l'autostima, entrare in contatto con altre persone e aiutare concretamente gli altri, tutto ciò può aiutarti a crescere in resilienza.
Sii proattivo. È utile riconoscere e accettare le tue emozioni nei momenti difficili, al tempo stesso è anche importante aiutarti a promuovere la scoperta di te stesso chiedendoti: "Cosa posso fare per un problema nella mia vita? Quale soluzione?” Se i problemi sembrano troppo grandi da affrontare, suddividili in parti gestibili.
Ad esempio, se qualcuno è stato licenziato al lavoro, potrebbe non essere in grado di convincere il suo capo che è stato un errore. Ma puoi dedicarsi un'ora ogni giorno a sviluppare i propri punti di forza o lavorare sul suo curriculum.
Prendere l'iniziativa ti ricorderà che puoi raccogliere motivazione e scopo anche durante i periodi di stress della tua vita, aumentando la probabilità di rialzarti durante quei periodi difficili.
Raggiungi i tuoi obiettivi. Sviluppa alcuni obiettivi realistici e fai qualcosa regolarmente, anche se sembra un piccolo risultato, che ti consenta di muoverti verso le cose che vuoi realizzare. Invece di concentrarti su compiti che sembrano irraggiungibili, chiediti: “Qual’è una cosa che so di poter realizzare oggi e che mi aiuta a muovermi nella direzione in cui voglio andare?"
Ad esempio, se stai lottando con la perdita di una persona cara e vuoi andare avanti, potresti unirti a un gruppo di supporto per il dolore nella tua zona.
Cerca le opportunità per la scoperta di te stesso. Le persone spesso scoprono di essere cresciute in qualche modo come risultato di una lotta. Ad esempio, dopo una tragedia o un disagio, le persone hanno riferito relazioni migliori e un maggiore senso di forza, anche se si sentono vulnerabili. Ciò può aumentare il senso di autostima e accrescere l'apprezzamento per la vita.
Abbraccia pensieri sani. Mantenere le cose in prospettiva.
Il modo in cui pensi può svolgere un ruolo significativo nel modo in cui ti senti e quanto sei resiliente di fronte agli ostacoli. Cerca di identificare le aree di pensiero irrazionale, come la tendenza a catastrofizzare le difficoltà o presumere che il mondo stia complottando contro di te, e adotta un modello di pensiero più equilibrato e realistico. Ad esempio, se ti senti sopraffatto da una sfida, ricorda a te stesso che quello che ti è successo non è un indicatore di come andrà il tuo futuro e che non sei impotente. Potresti non essere in grado di cambiare un evento altamente stressante, ma puoi cambiare il modo in cui interpreti e reagisci ad esso.
Accetta il fatto che il cambiamento fa parte della vita. Alcuni obiettivi o ideali potrebbero non essere più raggiungibili a causa di situazioni avverse nella tua vita. Accettare circostanze che non possono essere cambiate può aiutarti a concentrarti su circostanze che puoi modificare. Mantieni una prospettiva piena di speranza. È difficile essere positivi quando la vita non va come vuoi. Una visione ottimistica ti dà la forza di aspettarti che ti succedano cose buone.
Prova a visualizzare ciò che desideri, piuttosto che preoccuparti di ciò che temi. Lungo la strada, nota tutti i modi sottili in cui inizi a sentirti meglio mentre affronti le situazioni difficili.
Impara dal tuo passato. Guardando indietro a chi o cosa è stato utile nei precedenti periodi di angoscia, potresti scoprire come rispondere efficacemente a nuove situazioni difficili.
Ricorda a te stesso dove sei riuscito a trovare forza e chiediti cosa hai imparato da quelle esperienze.

In cerca di aiuto…
Ottenere aiuto quando ne hai bisogno è fondamentale per costruire la tua resilienza. Per molte persone, l'utilizzo delle proprie risorse e dei tipi di strategie sopra elencati può essere sufficiente per costruire la propria resilienza. Ma, a volte, un individuo potrebbe rimanere bloccato o avere difficoltà a fare progressi sulla strada della resilienza.
Un professionista del benessere come uno psicologo/psicoterapeuta o un counselor può aiutare le persone a sviluppare una strategia appropriata per andare avanti. È importante ottenere un aiuto professionale sia se ritieni di non essere in grado di funzionare come vorresti o di svolgere le attività di base della vita quotidiana a seguito di un'esperienza di vita traumatica o stressante ma anche semplicemente per sfruttare al massimo le tue capacità di resilienza.
Tieni presente che persone diverse tendono a sentirsi a proprio agio con stili di interazione diversi. Per ottenere il massimo dalla tua relazione di aiuto, dovresti sentirti a tuo agio con il professionista o nel gruppo di supporto che hai scelto.
La cosa più importante da tenere a mente è che non sei solo nel tuo viaggio, anche se non puoi controllare tutto ciò che accade intorno a te, puoi crescere focalizzandoti su quelle sfide della vita che puoi cogliere sia da solo che con il sostegno di chi ti è vicino e anche con il supporto di un professionista.

Se hai suggerimenti da condividere, contattami www.claudioboccia.com

Claudio Boccia
counselor e psicologo
ASPIC
Scuola Superiore Europea di Counseling
Sede di Bari